Paola Ciccarelli Consulting intervista La Cuoca Galante del web!

Ma non chiamatela FoodBlogger!

Oggi inauguriamo la sezione "interviste in rosa" e lo facciamo con una professionista che scrive di cibo, ma che non ama definirsi "FoodBlogger"!

Benvenuta sul mio blog, Cuoca Galante e grazie per aver scelto di

dedicarci un po’ del tuo prezioso tempo. Per iniziare, ti va di parlarci di Simonetta Savino prima dell' online?


Prima di tutto Paola ti ringrazio, per avermi ospitata nel tuo blog.

Avere l’opportunità di raccontarmi, significa per me, prima di tutto poter raccontare il buon cibo e la buona tavola, aggiungendo una buona dose di entusiasmo, perché, anche prima di essere online, appena ho un minuto di tempo libero, corro in cucina.


Quale è stato l'input che ti ha spinto verso il web e quando, precisamente, hai

deciso di entrare concretamente nel mondo virtuale come "FoodBlogger"?


E’ stata tutta colpa o merito del mio lavoro di assistente giudiziario al tribunale, che non ho mai amato particolarmente e che mi costringe, ancora oggi, a litigare con una scrivania troppo bassa o con una sedia troppo alta.

La possibilità di coltivare online la mia grande passione per la cucina di qualità, mi è sembrata un’ottima occasione.

Tuttavia poiché scrivo di cibo, preferisco definirmi foodwriter piuttosto che food blogger.


Bene, allora! FoodWriter"! Grazie per la precisazione!

Quali sono state le difficoltà (se ce ne sono state), che hai incontrato lungo la tua strada "online" e cosa ti hanno insegnato?


A dire il vero l’unica difficoltà, che ho incontrato, è stata quella di dovermi fare strada, partendo praticamente da sottozero e consapevole, di essere approdata sul Web quando sulla cucina era stato già detto praticamente tutto.

Solo che non ero stata io a dirlo.

Così ho puntato tutto sui contenuti, sulla credibilità e questo mi ha permesso di guadagnarmi la fiducia dei miei numerosissimi lettori.


Il tuo Blog non è solo una pubblicazione di semplici ricette di cucina, ma, per

ognuna di esse, racconti storie, aneddoti o semplici curiosità e leggende. La

domanda è: quanto ti aiuta, la tua "napoletanità", in questo?


Credo che in cucina basti respirare un profumo, per ristabilire il legame con i sapori del nostro passato ed essere napoletana, significa proprio questo, raccontare i piatti della nostra tradizione, aggiungendovi qualcosa di più.

Tuttavia sul mio sito propongo per lo più piatti semplici, gustosi e sani, da preparare con pochi ingredienti e ispirati ai principi della stagionalità e della dieta mediterranea, frutto di una meticolosa selezione di prodotti e di produttori.

Ai miei lettori mi piace insegnare un modo nuovo di cucinare e di mangiare, la bontà del cibo fresco, degli ingredienti di stagione e il valore di una cucina sana.


Il nome "La Cuoca Galante" : da cosa deriva questa scelta?


Il nome che ho scelto per il mio sito web si richiama al libro di Vincenzo Corrado, filosofo e letterato italiano, ma, soprattutto, grande gastronomo e uno dei maggiori cuochi presso le corti nobiliari napoletane.

Il primo cuoco che ha codificato la cucina mediterranea e il primo che ha valorizzato nel suo testo “Il cuoco galante” (1773) la grande cucina regionale italiana.


Tu sei presente, con le tue pagine, anche su social come Facebook, Instagram e Twitter, dove spesso coinvolgi i tuoi fans/utenti in discussioni appetitose,

partendo dalla condivisione delle tue ricette. Quanto è importante, secondo la

Cuoca Galante, "fare rete" o comunque creare una community attiva sui social?


Come ha riportato Riccardo Scandellari, citando Andrew Davis “i contenuti creano relazioni, le relazioni si basano sulla fiducia, la fiducia porta conversioni” e personalmente ho sempre sostenuto, che fare rete fosse indispensabile, ma selezionando i canali in base al proprio target di riferimento.

Al momento mi piace molto Twitter, apprezzo meno Facebook e mi sfuggono le regole di Instagram.




Ultimamente sei stata intervistata dalla rivista "Cucina a Sud" , disponibile

nelle edicole italiane. Parlaci di come hai vissuto questa esperienza diversa dal solito, per te che sei "virtuale".


Essere intervistata da una rivista di cucina, mi ha emozionata, ma, soprattutto, per me ha significato, che stavo svolgendo un buon lavoro, nonostante la pausa forzata di qualche mese e il poco tempo che ho dedicato al mio sito.


Quali sono i sogni e gli obbiettivi per il futuro della Cuoca più Galante del web?

Per qualche anno ho inseguito il sogno di potermi iscrivere all’Albo dei Giornalisti, anche se oggi una rigida separazione tra le figure professionali non ha più motivo di esistere, la differenza principale resta quella di appartenere o meno all’Ordine dei Giornalisti e ciò che questo rappresenta, in termini di rispetto della deontologia professionale.

Ma le mele marce purtroppo sono ovunque. L’importante dunque resta, fare la differenza.


La Cuoca Galante

Paola Ciccarelli


#foodwriter #food #blog #socialmedia #cibo #cucinaitaliana #dietamediterranea #intervisteinrosa


0 visualizzazioni
  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Icon LinkedIn
  • Black Pinterest Icon
telegram-app.png

Copyrights © 2019 Blog personale di Paola Ciccarelli - Tutti i diritti sono riservati.